L’UOMO CON I PUGNI DI FERRO

Valutazione
Futile, violento
Tematica
Potere, Storia, Violenza
Genere
Azione
Regia
RZA
Durata
95'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The man with the Iron Fist
Distribuzione
Universal Pictures International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
RZA, Eli Roth RZA
Fotografia
Chan Chi Ying
Musiche
RZA, Howard Drossin
Montaggio
Joe D'Augustine
Produzione
Marc Abraham, Eric Newman, Eli Roth

Interpreti e ruoli

Russell Crowe (Jack Knife), Rza (Taddeus Blacksmith), Rick Yune (Zen Yi/X Blade), Lucy Liu (madam Blossom), Cung Le (Bronze Lion), Byron Mann (Silver Lion), Dave Bautista (Brass Body), Jamie Chung (Lady Silk), Pam Grier (Jane), Daniel Wu . ( mamma di Blacksmith)

Soggetto

Nella Cina del XIX secolo, Taddeus Blacksmith, fabbro afroamericano, liberatosi dalla schiavitù e colpevole accidentale di omicidio, durante la fuga naufraga sulle coste della Cina. Salvato e educato da monaci buddisti, si ferma in un piccolo paese dove si mette al servizio della fazioni locali e per loro fabbrica armi di distruzione. Uno dei contendenti si ritiene danneggiato e sfoga su Taddeus una orribile punizione con il taglio delle braccia. Passa molto tempo, ma dopo anni Taddeus incredibilmente guarisce e riesce a sostituire le braccia tagliate con altre di ferro. L'uomo ora è pronto a mettere in atto la propria vendetta...

Valutazione Pastorale

RZA è il nome d'arte dell'afroamericano Robert Fitzgerald Diggs, personaggio certamente eclettico, attore, musicista, produttore discografico, autore di colonne sonore tra cui "Kill Bill" e "Django Unchained" per Tarantino. La sintonia con quest'ultimo lo ha portato a dirigere un'opera prima, nella quale si è inopinatamente fatto affiancare da Eli Roth, creatore/colpevole di 'Hostel' e seguiti. Il risultato poteva essere uno solo: una indistinta accozaglia di effetti speciali, al servoizio di movimenti da far girare al testa e sangue che strabuzza in ogni luogo, arti mozzate in grande stile ralentì a gogò. Il tutto in una indistinta cornice storica nella quale spunta Russel Crowe in divisa da ufficiale del lontano West, obbligato a muoversi in un indistinto sprezzo del ridicolo. Niente da raccontare, niente per cui valga la pena concedere l'attenzione. Si guarda ma non si vede niente, annichiliti e storditi da rumori, duelli, frasi lapidarie e insisgnificanti. Dal punto di vista pastorale, il film è da bvalutare come futile e nell'insieme violento.

Utilizzazione

Ci sono appassionati di questi generi 'misti', trasversali e fatti solo di citazioni di altri film. Utilizzare il film solo per loro può essere una opportuna indicazione. Altrimenti è meglio evitare. Comunque molta attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film