NELLE TUE MANI

Valutazione
Discutibile, Problematico, dibattiti
Tematica
Aborto, Donna, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia
Genere
Drammatico
Regia
Peter Del Monte
Durata
100'
Anno di uscita
2008
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Teodora Film
Soggetto e Sceneggiatura
Michele Pellegrini, Peter Del Monte Peter Del Monte
Musiche
Paolo Silvestri
Montaggio
Erika Manoni

Orig.: Italia (2007) - Sogg.: Peter Del Monte - Scenegg.: Michele Pellegrini, Peter Del Monte - Fotogr.(Panoramica/a colori): Marco Carosi - Mus.: Paolo Silvestri - Montagg.: Erika Manoni - Dur.: 100' - Produz.: Roberto Levi, Matteo Levi, Bruno Tribbioli, Alessandro Bonifazi.

Interpreti e ruoli

Kasia Smutniak (Mavi), Marco Foschi (Teo), Luisa De Santis (madre di Teo), Severino Saltarelli (padre di Teo), Luciano Bartoli (padre di Mavi), Simona Caramelli (Laura), Alba Rohrwacher (Carla), Alberto Cracco (Ugo), Gaetano Carotenuto (Juan), Riccardo Francia (Dario), Eleonora Solofra (Caterina), Pier Francesco Poggi (padre di Dario), Marina Pennafina (madre di Dario), Andrea Bruschi (editore), Davide Manuli (avvocato), Carolina Levi . (ragazza in ospedale)

Soggetto

Teo e Mavi si conoscono per caso, si ritrovano tempo dopo, si sposano, hanno una bambina. Quando Teo, trova un lavoro che lo porta a viaggiare spesso, Mavi comincia ad accusare qualche squilibrio. Questi segnali peggiorano, e Teo le toglie la figlia. Mavi, con un brutto passato alle spalle nel rapporto con il padre, nervosamente una sera si concede ad un adolescente appena incontrato e resta incinta. Quando il bambino é nato, Teo e Mavi si riavvicinano. Tutti insieme fanno una gita all'aria aperta.

Valutazione Pastorale

Nel finale Teo si guarda intorno, vede Mavi, la loro bambina, il nuovo nato, e dice "Eccola mia famiglia". Si tratta di un forte segnale di speranza, di un appello alla riconciliazione lanciato oltre i pur validi motivi di divisione che la vita propone ogni giorno. In questo quadro conclusivo c'è il senso del copione di Del Monte, la fotografia di un disordine che però non può cancellare la possibilità di ricompattarsi su valori condivisi di convivenza. Prospettive interessanti che emergono denrti un racconto che per altri versi non risparmia eccessi e qualche passaggio un po' forzato. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come discutibile, problematico e adatto per dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria con molta attenzione per la presenza di minori. Più opportuno proporlo in occasioni mirate sul tema ampio della famiglia oggi in Italia. Attenzione é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film