NON DIRMELO… NON CI CREDO

Valutazione
Accettabile-riserve, Grossolanità
Tematica
Genere
Farsesco
Regia
Maurice Phillips
Durata
91'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
ANOTHER YOU
Distribuzione
Columbia Tri Star Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Ziggy Steinberg
Musiche
Charles Gross
Montaggio
Dennis M. Hill

Sogg. e Scenegg.: Ziggy Steinberg - Fotogr.: (normale/a colori) Victor J. Kemper - Mus.: Charles Gross - Montagg.: Dennis M. Hill - Dur.: 91' - Produz.: Ziggy Steinberg

Interpreti e ruoli

Gene Wilder (George/Abe Fielding), Richard Pryor (Eddie Dash), Mercedes Ruehl (Elaine), Stephen Lang (Rupert Dibbs), Vanessa Williams (Gloria), Phil Rubenstein (Al), Billy Beck (Harry), Peter Michael Goetz, Jerry Houser, Kevin Pollak, Craig Richard Nelson, Kandis Chappell, Elsa Raven

Soggetto

Eddie Dash, un tipo truffaldino, per evitare la prigione, accetta come "volontario sociale" di fare da accompagnatore ad un bugiardo patologico, George, dimesso da una clinica psichiatrica dopo tre anni di cure. Eddie, che è un furbo, pensa subito di sfruttare al meglio il suo assistito quando un tizio sostiene che George è Abe Fielding, un miliardario scomparso. George, straordinario mentitore, incoraggiato da Eddie si identifica in Fielding a tal punto da innamorarsi dell'affascinante Elaine, la presunta moglie di Abe, mentre Eddie s'invaghisce di Gloria, collaboratrice dell'ambizioso Rupert Dibbs, il subdolo amministratore del miliardario. In realtà Rupert ha imbastito una criminale macchinazione per impadronirsi di tutto il patrimonio di Fielding ingaggiando un gruppo di attori: dopo aver fatto credere che George è Abe si propone di eliminarlo con la complicità di Eddie da lui ricattato durante una battuta di caccia all'orso. Ma inutilmente: Eddie inscena una simulata Morte di George e riesce a smascherare, durante il funerale, il malvagio Dibbs.

Valutazione Pastorale

una farsa, anche se con notevoli pretese di commedia brillante, una farsa quanto a ritmo, priva però della sfacciataggine e delle sguaiataggini tipiche del genere. Condotto con concitazione, il film si rivela un po' noioso, poiché di idee originali e creative sarebbe vana impresa cercarne e trovarne. Qualche efficace gag non basta a spiccare nella confusione dell'insieme. Interpreti di collaudato mestiere Richard Pryor, l'astuto frenetico nero e Gene Wilder sempre ipereccitato e ameno: due attori che, tuttavia, usano grossolanità verbali per evidenziare la loro comicità.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film