ONORA IL PADRE E LA MADRE

Valutazione
crudo, Discutibile, dibattiti *
Tematica
Avidità, Denaro, Famiglia, Male
Genere
Drammatico
Regia
Sidney Lumet
Durata
105'
Anno di uscita
2008
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Before the Devil Knows You're Dead
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Carter Burwell
Montaggio
Tom Swartwout

Orig.: Stati Uniti (2007) - Sogg. e scenegg.: Kelly Masterson - Fotogr.(Panoramica/a colori): Ron Fortunato - Mus.: Carter Burwell - Montagg.: Tom Swartwout - Dur.: 105' - Produz.: Michael Cerenzie, Brian Linse, Paul Parmar, William S. Gilmore - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Philip Seymour Hoffman (Andy), Ethan Hawke (Hank), Marisa Tomei (Gina), Albert Finney (Charles), Michael Shannon (Dex), Amy Ryan (Martha), Brian F.O'Byrne (Bobby), Rosemary Harris (Nanette), Arija Bareikis (Katherine), Leonardo Cimino (William), Alexsa Palladino (Chris), Sarah Livingston . (Danielle)

Soggetto

Sia pure per motivi diversi, Andy e Hank, due fratelli, hanno impellenti problemi finanziari. Andy pensa che una soluzione potrebbe essere quella di fare una rapina nella gioielleria dei genitori, la mattina presto: a quell'ora c'è solo la commessa, il ladro non sarà mai scoperto, l'assicurazione rifonderà tutto, loro venderanno i gioielli e tutti saranno felici. Qualcosa però va storto, nel negozio c'è la mamma, l'incaricato della rapina spara e la donna muore. Da quel momento tutto cambia. Quando le indagini ristagnano, Charles, il padre, fa ricerche in proprio, e infine la verità viene a galla. Non ci sono vie di mezzo. All'ospedale, Charles soffoca il figlio Andy fino a provocarne la morte.

Valutazione Pastorale

Il titolo originale suona "Before the Devil Knows You're Dead", frase proverbiale irlandese: é meglio arrivare in Paradiso mezz'ora prima che il Diavolo sappia che sei morto. L'anziano Lumet (esordio nel 1957 con "La parola ai giurati") costruisce un meccanismo di spietata lucidità descrivendo due nuclei familiari che precipitano in un abisso morale sempre più profondo, dal quale non si torna indietro. Fortemente pessimista ma non del tutto nichilista, perché il copione fa emergere bene che molti gradini del precipizio sono discesi a causa di una profonda carenza di comunicazione interpersonale: quando padre e figlio per un minuto riescono a parlare, si intuisce che con minori silenzi qualcosa si sarebbe potuto evitare. La spirale di violenza si vorrebbe fermare ma nessuno ne esce soddisfatto, e le ferite dell'anima sono le più acute, incancellabili. Copione duro, immagini forti, situazioni respingenti e film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come discutibile, crudo e adatto per dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, con attenzione per la presenza di minori. Da proporre in situazioni mirate per riflettere sui temi impegnativi che propone. Molta attenzione é da tenere per i più piccoli (c'è il divieto ai 14 anni) in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film