POINT BREAK

Valutazione
Consigliabile, superficialità
Tematica
Ecologia, Gangster, Sport
Genere
Azione
Regia
Ericson Core
Durata
114'
Anno di uscita
2016
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Point Break
Distribuzione
Eagle Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Kurt Wimmer Rick King, Peter Iliff, Kurt Wimmer
Musiche
Tom Holkenborg
Montaggio
Thom Noble, Jerry Greenberg, John Duffy

Orig.: Stati Uniti (2015) - Sogg.: Rick King, Peter Iliff, Kurt Wimmer - Scenegg.: Kurt Wimmer - Fotogr.(Scope/a colori): Ericson Core - Mus.: Tom Holkenborg - Montagg.: Thom Noble, Jerry Greenberg, John Duffy - Dur.: 114' - Produz.: Andrew A. Kosove, Broderick Johnson, John Baldecchi, David Valdes, Christopher Taylor, Kurt Vimmer.

Interpreti e ruoli

Luke Bracey (Utah), Edgar Ramirez (Bodhi), Teresa Palmer (Samsara), Ray Winstone (Pappas), Delroy Lindo (istruttore Hall), Matias Varela (Grommet), Clemens Schick (Roach), Tobias Santelmann (Chowder), Laird Hamilton . (surfista vagabondo)

Soggetto

Nel corso di una delle tante azioni da sport estremo, dei quali è appassionatissimo, Johnny Utah vede morire il proprio migliore amico. Duramente colpito dall'evento, il giovane decide di mettere la sua innata abilità al servizio di un più nobile scopo. Si arruola nell'FBI e, come compito di prova, riceve l'ordine di infiltrarsi in un gruppo itinerante di atleti amanti del brivido, capeggiati dal duro Bodhi. Gli atleti sono sospettati di crimini organizzati in modo del tutto imprevedibile e finalizzati a difendere gli stravolgimenti forzosi del territorio…

Valutazione Pastorale

Il precedente "Point Break" è del 1991, Katherine Bigelow lo diresse con un'ottica dinamico-drammatica innovativa e imprevedibile. Con Ericson Core l'approccio cambia radicalmente. Questo è il suo secondo film come regista (l'esordio è “187 Codice omicidio” con Samuel L. Jackson) ma lui è soprattutto un valido direttore della fotografia. E non solo, perché per esempio nella serie "Fast & Furious" ha progettato molti veicoli con telecamere montate su misura, ottenendo effetti nuovi e fortemente dinamici. Con un simile esperto di tecnologie, anche la scelta narrativa era obbligata. Questo secondo "Point Break" comincia e finisce sopra un continuo inseguirsi di spericolate azioni, ogni volta più rischiose, difficili, talmente pericolose da sembrare non vere. Se va riconosciuta la incalzante scelta produttiva di spostarsi in giro per il modo e dare spazio ad acrobazie ogni volta più incredibili, risulta parimenti arduo individuare una parvenza di sostanza problematica, uno spunto di riflessione per motivare l'impalcatura generale. Anche l'action thriller non vive di soli automatismi adrenalinici, e quello delle otto prove di un fantomatico Ono Ozaki appare solo un pretesto per puntellare imprese da capogiro tra montagne e oceani, avendo sullo sfondo la scusa degli ecoterroristi. Il film insomma colpisce per la bella confezione ma lascia freddi perché senza motivazioni di senso. Come una bella cornice che avvolge una tela piatta. Alcuni caratteristi fanno il possibile per tenere in piedi una tensione ai minimi termini. Bigelow dove sei? Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme segnato da superficialità.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria soprattutto per appassionati del genere 'action-thriller'. Attenzione per minori e piccoli è da tenere in vista di passaggi televisivi e di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV