ROCKY BALBOA

Valutazione
Accettabile, semplicistico
Tematica
Cinema nel cinema, Famiglia - genitori figli, Sport
Genere
Drammatico
Regia
Sylvester Stallone
Durata
102'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Rocky Balboa
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Musiche
Bill Conti
Montaggio
Sean Albertson

Orig.: Stati Uniti (2006) - Sogg. e scenegg.: Sylvester Stallone - Fotogr.(Normale/a colori): J. Clark Mathis - Mus.: Bill Conti - Montagg.: Sean Albertson - Dur.: 102' - Produz.: Kevin King, Charles Winkler, David Winkler, Guy Riedel.

Interpreti e ruoli

Sylvester Stallone (Rocky Balboa), Burt Young (Paulie), Milo Ventimiglia (Rocky Balboa jr.), Antonio Traver (Mason Dixon), Geraldine Hughes (Marie), James Francis Kelly III (Steps), Tony Burton (Duke), Henry G. Sanders (Martin), Tim Curry (Buddy), Angela Boyd . (ragazza ubriaca)

Soggetto

Rocky Balboa, leggendario campione di pugilato, dopo la morte della moglie, gestisce un piccolo ristorante dove su richiesta racconta le proprie gesta di un tempo. La riproposta di un incontro 'virtuale' tra lui e l'attuale campione dei massimi Mason Dixon gli fa scattare la voglia di tornare sul ring e di sfidare 'dal vero' il potente Dixon. Dopo non poche esitazioni, il match viene ufficializzato. Rocky, ormai 50enne, si prepara con passione e grande volontà. Nel giorno della sfida, Rocky si batte con ardore e alla fine i giudici attribuiscono la vittoria a Dixon per 2-1. Rocky esce sconfitto con onore e, soprattutto, ha riconquistato l'affetto e la stima del figlio Rocky jr., che da tempo era in rotta con il padre.

Valutazione Pastorale

Questo sesto appuntamento con Rocky arriva sedici anni dopo il "Rocky 5", e a ben trenta anni di distanza da primo "Rocky" (1976) che ottenne grande successo ma forse non lasciava ipotizzare una bvita tanto lunga del personaggio. Stallone invece lo ha saputo modellare sull'età che é avanzata, e quasi su se stesso, facendone il prototipo di un eroe stanco ma non domo, affaticato ma ancora capace di trovare nella vita gli stimoli sufficienti per andare avanti. Si trattava anche di muoversi contro il declino del genere pugilistico', che al cinema vantava gloriosi precedenti ma oggi é quasi scomparso. Stallone mette insieme con misura i temi della fine del mito e quelli dell'eroismo quotidiano, ossia dell'uomo che diventa eroem perché crede in valori solidi e immutabili, il ricordo della moglie, l'affetto del figlio, lo sport come palestra di lealtà e scontri puliti. Il tono patetico che affiora qua e là non inficia un ritratto che resta abbastanza credibile e sincero. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile, anche se generalmente semplicistico. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e e da proporre nell'ambito di rassegne sul tema del rapporto cinema/sport.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film