ROSENSTRASSE

Valutazione
Accettabile, Realistico, dibattiti
Tematica
Male, Razzismo, Storia
Genere
Drammatico
Regia
Margarethe Von Trotta
Durata
136'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Germania, Olanda
Titolo Originale
Rosenstrasse
Distribuzione
01 Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Margarethe von Trotta, Pamela Katz Margarethe von Trotta
Musiche
Loek Dikker
Montaggio
Corina Dietz

Orig.: Germania/Olanda (2003) - Sogg.: Margarethe von Trotta - Scenegg.: Margarethe von Trotta, Pamela Katz - Fotogr.(Scope/a colori): Franz Rath - Mus.: Loek Dikker - Montagg.: Corina Dietz - Dur.: 136' - Produz.: Richard Shops, Henrik Meyer, Markus Zimmer.

Interpreti e ruoli

Katja Riemann (Lena Fischer), Maria Schrader (Hannah), Martin Feifel (Fabian Fischer), Jürgen Vogel (Arthur von Eschenbach), Jutta Lampe (Ruth Weinstein), Doris Schade (Lena Fischer a 90 anni), Carota Regnier (Rachel Rosenbauer), Svea Lohde . (Ruth a 7 anni)

Soggetto

A New York Ruth Weinstein, matura signora, è da poco rimasta vedova. Nel momento del dolore avverte forte il richiamo della propria religione ebraico ortodossa e organizza un lutto di trenta giorni per tutta la famiglia. Nello stesso tempo esprime a chiare parole il dissenso per l'imminente matrimonio della figlia Hannah con il sudamericano Luis. Sorpresa da una inaspettata durezza di modi e desiderosa di capirne i motivi, Hannah cerca di indagare nel passato della madre e si reca a Berlino. Qui conosce Lena Fischer, ora 90enne, che le racconta di come abbia incontrato sua madre da bambina in una strada della città chiamata Rosenstrasse. Qui, nel 1943, centinaia di donne ebbero il coraggio di riunirsi e protestare contro la deportazione dei loro mariti ebrei. Lena allora aveva al proprio fianco la piccola Ruth.

Valutazione Pastorale

Si tratta di un film di indubbia ispirazione civile. La von Trotta riflette ancora una volta sulla storia passata del proprio Paese, e stavolta incornicia l'episodio in un contesto americano e nella prospettiva della nuova generazione che quel passato non ricorda più. I fatti di Rosenstrasse, come si sa, avvennero realmente tra il 27 febbraio e il 6 marzo 1943. Merito quindi alla regista di continuare a proporci episodi che bisogna conoscere, anche se la vena della regista sembra essersi un po' appannata e il racconto (forse troppo lungo) non trova mai un taglio veramente incisivo e resta nei binari della convenzionalità e della buona professionalità. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come accettabile, realistico e adatto a dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e proposto in molte circostanze, anche didattiche, nell'ambito del rapporto cinema/storia, cinema/memoria.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film