ROYAL AFFAIR

Valutazione
Consigliabile, Problematico, dibattiti
Tematica
Donna, Matrimonio - coppia, Politica-Società, Potere, Storia
Genere
Drammatico
Regia
Nikolaj Arcel
Durata
128'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Danimarca, Germania, Repubblica Ceca, Svezia
Titolo Originale
En Kongeling Affaere
Distribuzione
Academy Two
Soggetto e Sceneggiatura
Nikolaj Arcel, Rasmus Heisterberg Bodil Steensen Leth
Musiche
Gabriel Yared, Cyrille Aufort
Montaggio
Mikkel E.G. Nielsen, Kaspar Aufort

Orig.: Danimarca, Repubblica Ceca, Svezia, Germania (2012) - Sogg.: Bodil Steensen Leth - Scenegg.: Nikolaj Arcel, Rasmus Heisterberg - Fotogr.(Scope/a colorI): Rasmus Videbaek - Mus.: Gabriel Yared, Cyrille Aufort - Montagg.: Mikkel E.G. Nielsen, Kaspar Aufort - Dur.: 128' - Produz.: Zentropa Entertainment.

Interpreti e ruoli

Alicia Vikander (Caroline Mathilde), Mads Mikkelsen (Johan Struensee), Mikkel Boe Folsgarrd (Re Cristiano VII), Trine Dyrholm (Giuliana Maria regina madre), David Dencik (Guldberg), Thomas Gabrielsson (Carl Rantzau), Bent Meiding (Benstorff), Laura Bro . (Von Plessen)

Soggetto

Nel 1770 l'inglese Caroline Mathilde arriva a Copenaghen per sposare il re Christian VII e diventare Regina i Danimarca. A corte c'è anche Johan Struensee, un medico idealista che si fa ben volere da Christian fino al punto da influenzare le decisioni di governo. Il potere acquistato da Johann è mal visto dai nobili che riescono a metterlo in cattiva luce e a farlo allontanare da corte. Anche Caroline, che con Johann ha avuto una storia d'amore, viene destituita. Dall'esilio, sola, invia una lettera ai figli, raccontando la storia della propria vita...

Valutazione Pastorale

I fatti principali sono autentici. Arcel, danese, classe 1972, li gonfia nella giusta misura per arrivare a restituire un quadro di tensione storica bella, dinamica, denza di quello che tutti oggi immaginiamo: conflitti, rivalità, tradimenti, ambizioni, l'utopia di far trionfare la ragione a danno delle seduzioni del potere. Tra memoria e realtà, si partecipa agli aspri scontri di corte, con la sensazione che alla fine la lotta per il potere lascia sul terreno più vittime che vincitori. Un bel affresco per un film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni per avviare riflessioni sul rapporto "cinema/storia", anche attraverso pagine poco conosciute. Qualche attenzione è da tenere per piccoli e minori in vista di passaggi televisivi e di uso di dvd e di altri suppprti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film