THE SALTON SEA – Incubi e menzogne

Valutazione
Inaccettabile, violento
Tematica
Droga, Giustizia, Violenza
Genere
Drammatico
Regia
D.J.Caruso
Durata
102'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The salton sea
Distribuzione
Warner Bros Italia
Musiche
Thomas Newman
Montaggio
Jim Page

Orig.: Stati Uniti (2001) - Sogg. e scenegg.: Tony Gayton - Fotogr.(Normale/a colori): Amir Mokri - Mus.: Thomas Newman - Montagg.: Jim Page - Dur.: 102' - Produz.: Eric La Salle, Frank Darabont.

Interpreti e ruoli

Val Kilmer (Danny Parker/Tom Van Allen), Peter Sarsgaard (Jimmy), Debra Kara Unger (Colette), Anthony La Paglia, Vincent D'Onofrio, Luiz Guzman

Soggetto

"Mi chiamo Tom Van Allen e sono un trombettista". Così comincia la voce fuori campo, e subito dopo in flash back racconta di come è arrivato in quella situazione. Tom fa entrare in casa una certa Colette, che abita nell'appartamento di fronte ed è in fuga da Quincy, il suo compagno. A Colette Tom racconta la terribile circostanza in cui in un locale a Salton Sea irruppero alcuni banditi e fecero fuoco uccidendo tra gli altri anche sua moglie. Da quel momento Tom ha cambiato identità, è diventato Danny Parker ed ha completamente perso fiducia nella vita e nel suo lavoro di poliziotto. Il suo obiettivo è incastrare Morgan e Grassetti, due agenti corrotti della narcotici. Danny si muove avvicinando Domingo, boss del narcotraffico. Le circostanze sono contro di lui, che sembra incastrato, ma riesce a sparare ai due poliziotti e ad ucciderli. Quindi Danny torna a casa. Poco dopo si presenta da lui Quincy, lo minaccia e allora Danny elimina anche lui. La casa ora brucia, e torniamo all'inizio. Danny/Tom suona la tromba. Arriva l'amico Jimmy e lo porta in ospedale.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una vicenda di genere 'misto' tra poliziesco e gangster ma con cadenze decisamente sul drammatico. Dopo la prima parte si poteva pensare ad una storia-indagine sul mondo della droga, essendo costruita con buon realismo la presentazione degli effetti crudi che colpiscono sia chi spaccia sia chi usa droga. In seguito invece gli obiettivi cambiano. Il copione passa a poco a poco a privilegiare i toni violenti, il gusto sadico, l'esaltazione del giustiziere. Ne deriva un quadro troppo crudo e compiaciuto, con incongruenze di passaggi ed efferatezze sparse a piene mani. Una violenza morbosa senza ironia, adagiata su un fatalismo nichilista privo di speranza. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come inaccettabile, e del tutto violento.

Utilizzazione

é da evitare, sia in programmazione ordinaria sia in altre circostanze.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film