THE BURNING PLAIN – Il confine della solitudine

Valutazione
Accettabile, Problematico
Tematica
Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia, Psicologia, Solidarietà-Amore
Genere
Drammatico
Regia
Guillermo Arriaga
Durata
109'
Anno di uscita
2008
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Burning Plain
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Omar Rodriguez Lopez & Hans Zimmer
Montaggio
Craig Wood

Orig.: Stati Uniti (2008) - Sogg. e scenegg.: Guillermo Arriaga - Fotogr.(Scope/a colori): Robert Elswitt - Mus.: Omar Rodriguez Lopez & Hans Zimmer - Montagg.: Craig Wood - Dur.: 109' - Produz.: Walter Parkes, Laurie Macdonald.

Interpreti e ruoli

Charlize Theron (Sylvia), Kim Basinger (Gina), Joaquim De Almeida (Nick Martinez), John Corbett (John), Jose Maria Yazpik (Carlos), J.D. Pardo (Santiago giovane), Brett Cullen (Robert), Jennifer Lawrence (Mariana), Danny Pino (Santiago), Tessa Ia . (Maria)

Soggetto

Sylvia, giovane proprietaria di un raffinato ristorante Portland, é in piedi sull'orlo di un precipizio e ripensa, tormentandosi, al proprio passato. Maria, una ragazzina orfana della madre, corre verso il padre, rimasto gravemente ferito in seguito ad un incidente aereo. Due adolescenti, Mariana e Santiago, si innamorano mentre affrontano le conseguenze della morte improvvisa rispettivamente della mamma e del papà. Una casalinga con quattro figli cede alla relazione con un uomo, dopo aver lottato disperatamente contro il cancro.

Valutazione Pastorale

Le storie accennate scorrono separatamente, ma in realtà sono tutte intrecciate: scandiscono la vita di alcuni personaggi nelle varie fasi delle rispettive esistenze. Ci sono sbalzi temporali, avvenimenti che si rincorrono, si perdono e si ritrovano; ci sono scelte che si vorrebbero cambiare ma determinano l'impossibilità di fuggire da se stessi. Bisogna ricordare che Guillermo Arriaga é lo sceneggiatore di "Babel", di "21 grammi - Il peso dell'anima" per dare motivazioni serie a questo suo esordio dietro la m.d.p. Arriaga scava nei meandri dì coscienze individuali, laddove avvenimenti dolenti hanno frantumato gli equilibri e c'è bisogno di rimettere insieme i frammenti del passato. Quel senso di colpa a lungo rimosso torna prepotente e richiede nuovi esami, capacità di rimettersi in gioco, di riscattarsi. Arriaga racconta con stile acuto, incisivo, asciutto. Le scansioni passato/presente si muovono lungo un'ambientazione affilata e riarsa dentro la quale sentimenti ed emozioni lottano tra rifiuto e pudore. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile, e nell'insieme problematico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria. Qualche attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film