THE DANCER

Valutazione
Accettabile, semplice
Tematica
Donna, Famiglia - fratelli sorelle, Handicap, Mass-media
Genere
Favola
Regia
Frédéric Garson
Durata
93'
Anno di uscita
2002
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
The dancer
Distribuzione
Filmauro
Soggetto e Sceneggiatura
Jessica Kaplan Luc Besson
Musiche
Pascal Lafa & Poz
Montaggio
Sylvie Landra

Orig.: Francia (2001) - Sogg.: Luc Besson - Scenegg.: Jessica Kaplan - Fotogr.(Scope/a colori): Thierry Arbogast - Mus.: Pascal Lafa & Poz - Montagg.: Sylvie Landra - Dur.: 93' - Produz.: Leeloo Productions.

Interpreti e ruoli

Mia Frey (India Rey), Garland Whitt (Jasper Rey), Rodney Eastman (Isac), Josh Lucas, Feodor Atkine

Soggetto

A New York la giovane India ha la passione per la danza e il sogno di arrivare a Broadway. India è muta ma in discoteca vince le sfide di ballo che il dj organizza. Intanto in un laboratorio due studiosi di questi fenomeni legati al rapporto udito-suoni, Isaac e Stephane, decidono di andare nel locale a vedere India esibirsi. Isaac vuole conoscerla e, in seguito, va all'audizione dove India si è iscritta. La ragazza viene scelta ma, appena viene fuori la verità su di lei, è subito scartata. Nel frattempo Isaac ha messo a punto un apparecchio che può in qualche modo porre un rimedio a quelle situazioni. Dopo qualche esitazione, India si convince ad andare al laboratorio e a fissare sulla pelle un sensore che consente di esprimere suoni. Da quel momento India si reca ntutti i giorni al laboratorio. Ed ecco ora India protagonista ancora più applaudita degli spettacoli nei vari locali.

Valutazione Pastorale

Presa la decisione, dopo aver diretto l'epico e magniloquente "Giovanna d'Arco", di organizzare solo la produzione di film, lasciando ad altri la regia, il francese Luc Besson affida al suo ex aiuto regista Frédéric Garson il compito di tradurre in immagini un soggetto a dire il vero esile e un po' sottotono. In effetti la storiella, girata in territorio newyorchese, si limita a mettere in sequenza musica, ballo, atmosfere da discoteca, esperimenti pseudoscientifici, dando all'insieme il tono della favola moderna. A poco a poco i buoni sentimenti prevalgono e vincono, e se il percorso risulta troppo edificante e pecca per mancanza di realismo, l'accenno a certi valori merita tuttavia attenzione: il fratello Jess che si prende cura con dedizione di India; la musica come linguaggio per far nascere la comunicazione e superare l'handicap. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come accettabile, e senz'altro semplice. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, e da recuperare come proposta nell'ambito del rapporto cinema/handicap.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film