The Dropout

Valutazione
Consigliabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Amore-Sentimenti, Avidità, Cronaca, Denaro, Donna, Famiglia, Famiglia - genitori figli, Giustizia, Internet, Matrimonio - coppia, Media, Metafore del nostro tempo, Politica-Società, Potere, Santità, Storia, Violenza
Genere
Biografico, Drammatico, Legal Drama, Psicologico
Regia
Michael Showalter
Durata
Serie da 8 episodi, da 45'-55'
Anno di uscita
2022
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Dropout
Distribuzione
Disney+
Soggetto e Sceneggiatura
Elizabeth Meriwether
Fotografia
Michelle Lawler, Jonathan Furmanski, Blake McClure
Musiche
Anne Nikitin
Montaggio
David Berman, Steve Welch, Susana Benaim
Produzione
Amanda Seyfried, Hilary Bettis, Megan Mascena, Elizabeth Meriwether, Katherine Pope, Michael Showalter, Jordana Mollick, Rebecca Jarvis, Taylor Dunn, Victoria Thompson, Liz Heldens, Liz Hannah. Casa di produzione: 20th Television, Searchlight Television, Elizabeth Meriwether Pictures, Semi-Formal Productions

La serie Tv è in distribuzione sulla piattaforma Disney+

Interpreti e ruoli

Amanda Seyfried . (Elizabeth Holmes), Naveen Andrews (Sunny Balwani), Elizabeth Marvel . ( Noel Holmes), Michel Gill (Chris Holmes), Sam Straley ( Christian Holmes), Sam Waterston (George Shultz), Anne Archer (Charlotte Shultz), Stephen Fry (Ian Gibbons), Kate Burton (Rochelle Gibbons), Dylan Minnette (Tyler Shultz), Camryn Mi-young Kim (Erika Cheung), William H.Macy (Richard Fuisz), Laurie Metcalf (Phyllis Gardner)

Soggetto

Inseguendo il sogno di carriere fiammanti, Elizabeth Holmes abbandona gli studi a Stanford e fonda una compagnia pronta a rivoluzionare il mondo delle analisi cliniche. Nasce Theranos nel 2003. La Holmes in poco tempo raccoglie fondi per centinaia di milioni di dollari e coinvolge nel CdA nomi di peso della politica come George Shultz e Henry Kissinger, guadagnando inoltre copertine su “Forbes” e “Fortune”. Nel 2015 un’inchiesta del “Wall Street Journal” fa vacillare il colosso con l’accusa di frode...

Valutazione Pastorale

“The Social Network”. Di Premi Oscar ne ha vinti tre nel 2011: è “The Social Network”, ritratto asciutto e spigoloso di Mark Zuckerberg e dei cofondatori di Facebook. Lo script è del geniale Aaron Sorkin, autore di un altro ritratto in chiaroscuro dal mondo della Silicon Valley, il biopic “Steve Jobs”. Sorkin è anche noto per racconti sfaccettati sul mondo della politica e dei media con le serie Tv “West Wing” e “The Newsroom”. Un modello narrativo preciso, capace di tessere luci e ombre di storie di successo nella New Economy. Idealmente su tale tracciato si inserisce la miniserie “The Dropout” su Disney+. Diretta da Michael Showalter (suo è “Gli occhi di Tammy Faye”) e scritta da Elizabeth Meriwether, “The Dropout” racconta la clamorosa e inquietante vicenda di Elizabeth Holmes, prodigio statunitense che è riuscita a fondare nel 2003 – all’età di soli 19 anni – la start-up Theranos, valutata circa 10miliardi di dollari e fallita nel 2018. La storia. Inseguendo il sogno di carriere fiammanti, Elizabeth Holmes abbandona gli studi a Stanford e fonda una compagnia pronta a rivoluzionare il mondo delle analisi cliniche. Nasce Theranos nel 2003. La Holmes in poco tempo raccoglie fondi per centinaia di milioni di dollari e coinvolge nel CdA nomi di peso della politica come George Shultz e Henry Kissinger, guadagnando inoltre copertine su “Forbes” e “Fortune”. Nel 2015 un’inchiesta del “Wall Street Journal” fa vacillare il colosso con l’accusa di frode. Una miniserie da “binge-watching”, da divorare in un lampo. È “The Dropout”, racconto ravvicinato dell’ossessione per il successo della statunitense Elizabeth Holmes, conclusasi con una prima pesante condanna nel gennaio 2022. La serie prende le mosse dal podcast “The Dropout” di Rebecca Jarvis e la protagonista è una sempre più brava Amanda Seyfried (tra i suoi titoli più popolari “Mamma mia!”), che dopo la candidatura all’Oscar per “Mank” nel 2021 mette a segno un altro ruolo significativo: riesce infatti a rendere con mestiere fragilità e spregiudicatezza della Holmes. Negli 8 episodi assistiamo al cammino della giovane che abbandona l’università Stanford (da qui il termine inglese “dropout”, “ritirato dagli studi”) sul mito di altri geniali inventori della Silicon Valley per lanciare una start-up rivoluzionaria. Peccato che la sua idea corresse su standard scientifici incerti; così invece di essere ricordata come la più giovane imprenditrice nel Big tech, rischia di passare alla storia come la più grande truffatrice. Un racconto scritto con fluidità e tensione narrativa, diretto con altrettanta incisività da Michael Showalter. Tra legal thriller, inchiesta giornalistica e dramma esistenziale marcato da ironia nera, “The Dropout” poggia su un cast di valore: oltre alla Seyfried sono da ricordare Naveen Andrews, William H. Macy, Laurie Metcalf, Elizabeth Marvel, Stephen Fry e Sam Waterston. “The Dropout” è consigliabile, problematica e per dibattiti.

Utilizzazione

Raccontando una storia vera, la serie Tv mette a tema la rincorsa del successo, del potere, il rapporto bene-male, giustizia-illegalità, come pure la dimensione dei media.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca Film - SerieTv
Ricerca Film - SerieTV