THE PEACEMAKER

Valutazione
Accettabile-riserve, Problematico, dibattiti***
Tematica
Politica-Società
Genere
Drammatico
Regia
Mimi Leder
Durata
123'
Anno di uscita
1997
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE PEACEMAKER
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Michael Schiffer Ispirato ad un articolo di Leslie Cockburn, Andrew Cockburn
Musiche
Hans Zimmer
Montaggio
David Rosen Bloom

Sogg.: Ispirato ad un articolo di Leslie Cockburn, Andrew Cockburn - Scenegg.: Michael Schiffer - Foto-gr.: (Scope/a colori) Dietrich Lohmann - Mus.: Hans Zimmer - Montagg.: David Rosen Bloom - Dur.: 123' - Produz.: Walter Parkes, Branko Lustig

Interpreti e ruoli

George Clooney (Thomas Devoe), Nicole Kidman (Julia Kelly), Marcel Iures (Dusan Gavrich), Armin Muller-Stahl (Dimitri Vertikoff), Alexander Baluev (Alexsander Kodoroff), René Medvesek (Vlado Mirich), Randall Batinkoff (Ken), Gary Werntz, Jim Maynie, Alexander Strobele, Carlos Gomez, Joan Copeland, Michael Botman, Holt Mc Callany.

Soggetto

In una sperduta regione della Russia, due treni entrano in rotta di collisione. Uno trasporta armi nucleari destinate ad essere disattivate in base agli accordi del trattato Start sul disarmo nucleare. Dopo l’incidente, la cam-pagna circostante viene scossa da un’esplosione nucleare immensa. Viene dichiarato lo stato di allarme e si scatena una caccia all’uomo a livello inter-nazionale. In America la dottoressa Julia Kelly, responsabile del settore materiale nucleare della Casa Bianca, capisce che non si tratta di un inciden-te ma di opera di terroristi. Il colonnello Thomas Devoe, ufficiale del servi-zio segreto, pensa che in realtà l’incidente sia una copertura per il furto del carico nucleare.Costretti a lavorare insieme, la Kelly e Devoe fanno avanti e indietro tra Europa ed America ad un ritmo sempre più convulso. Hanno idee diverse sui modi per agire, e i contrasti sono numerosi. Ma ormai appare chiaro che c’è un terrorista dietro a tutto e costui rivela infine di aver sistemato una bomba che farà esplodere tutta New York. Tornati in città, i due devono intervenire mentre il timer dà il segnale dello scoppio della bomba. Il terrorista si rifugia in chiesa e, viste perse le speranze, si uccide. La Kelly disinnesca la bomba. Il giorno dopo Thomas va a trovare Julia in piscina.

Valutazione Pastorale

film spettacolare di indubitabile fattura professiona-le. L’azione è sempre avvincente e serrata in uno scenario coinvolgente. Il meccanismo narrativo non è nuovo per il cinema americano: siamo in quel settore che mette insieme politica, spionaggio, scenari internazionali, senti-menti. Qui lo schema si aggiorna agli ultimi avvenimenti della cronaca, e tra le righe del racconto senza respiro si insinuano notazioni sul ruolo dei terro-risti, sulla difficoltà di conciliare famiglia e professione, sulla psicosi ameri-cana dell’attentato e della bomba. Dal punto di vista pastorale qualche riser-va per situazioni un po’ meno sorvegliate, ma per il resto un film avvincente e problematico. Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e, in con-testi più mirati, come occasione per discutere sui nuovi scenari proposti dalla politica internazionale e su come vi si muovono le grandi potenze mondiali.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film