TIRAMISU’

Valutazione
Consigliabile, semplice
Tematica
Famiglia, Lavoro, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Fabio De Luigi
Durata
95'
Anno di uscita
2016
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Medusa
Musiche
Andrea Farri
Montaggio
Claudio Di Mauro

Orig.: Italia (2016) - Sogg e scenegg.: Fabio De Luigi - Fotogr.(Scope/a colori): Federico Masiero - Mus.: Andrea Farri - Montagg.: Claudio Di Mauro - Dur.: 95' - Produz.: Medusa Film, Maurizio Totti e Alessandro Usai per Colorado Film in collaborazione con Mediaset Premium.

Interpreti e ruoli

Fabio De Luigi (Antonio Moscati), Vittoria Puccini (Aurora), Angelo Duro (Franco), Alberto Farina . (Marco), Giulia Bevilacqua (Stefania), Nicola Pistoia (Gissi), Giovanni Esposito (Massimo), Orso Maria Guerrini (Hubner), Pippo Franco (Galbiati), Bebo Storti (Mannini), Niccolò Senni (Cosimo), Nicola Nocella (chef), Sofia Calabresi (Fabiola), Corrado Nuzzo (pizzaiolo), Maria Di Biase (moglie del pizzaiolo), Bob Messini (pianista), Autilia Ranieri (Olga), Anna Tognetti (Vanessa)

Soggetto

Antonio Moscati fa il rappresentante di articoli sanitari, è sposato con Aurora e, mentre frequenta studi medici e ospedali alla ricerca di materiale da vendere, si ritrova in casa il cognato Franco, trentenne divorziato con una figlia di nove anni a carico. Antonio è in crisi di autostima, un giorno dimentica in uno studio medico un tiramisù fatto dalla moglie e da quel momento tutto cambia...

Valutazione Pastorale

Dopo averci girato intorno a lungo, anche per Fabio De Luigi è arrivato il momento del passaggio dietro la m.d.p. Sembra niente, ma la distanza è più lunga e impervia di quanto possa apparire. De Luigi infatti non si limita a mettere la firma sulle immagini ma si propone come responsabile di soggetto e sceneggiatura, come protagonista in grado di distribuire ruoli, aprire spazi narrativi, andare e venire dalla trama. E questo forse è troppo. Perché De Luigi comincia col dipingere la figura di un uomo sostanzialmente indifeso e abulico, che a poco a poco trova la forza per migliorare la propria posizione, fare guadagni e ottenere successo. In sostanza Antonio passa dalla timidezza all'abbassamento della soglia di tolleranza verso la disonestà. Diventa uno ricco e famoso, frequenta ambienti ricercati, cede alle lusinghe di una donna. Quello che non si capisce è come faccia e perché, Antonio a smuovere le situazioni che gli cambiano la vita. Restano evanescenti i motivi per i quali Antonio compie salti di qualità repentini e imprevisti: fino ad essere chiamato in un misterioso castello in montagna in un'atmosfera dove arriva anche un ministro. Tanto è stata rapida l'ascesa, tanto è precipitosa la marcia indietro. Antonio fa i conti con i propri errori, in una giravolta che sa di debole pentimento. E nella passerella finale ecco Antonio tornare ad una situazione più 'tranquilla'. Lasciando tuttavia l'impressione di un'operazione poco convinta e alquanto raffazzonata. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e semplice per la sua sostanziale modestia di coinvolgimento emotivo.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e in successive occasioni come ritratto di vita italiana leggera e minimalista.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film