UN NUOVO GIORNO

Valutazione
Complesso, Problematico, dibattiti
Tematica
Famiglia - genitori figli, Giovani
Genere
Drammatico
Regia
Stefano Calvagna
Durata
102'
Anno di uscita
2016
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Poker Entertainment
Musiche
Paolo Vivaldi
Montaggio
Roberto Siciliano

Orig.: Italia (2016) - Sogg. e scenegg.: Stefano Calvagna - Fotogr.(Scope/a colori): Simone Zampagni - Mus.: Paolo Vivaldi - Montagg.: Roberto Siciliano - Dur.: 102' - Produz.: Poker Entertaiment.

Interpreti e ruoli

Luca Filippi (Giulio), Niccolò Calvagna (Giulio bambino), Sveva Cardinale (Giulia), Imma Piro (Maria grazia), Franco Oppini (Luigi), Paola Lavini (Gianna), Danilo Brugia (Fabio), Davide Paganini, Gianna Paola Scaffidi, Saverio Vallone

Soggetto

Fin dagli anni della scuola materna, Giulio vuole essere chiamato Giulia. Avverte di trovarsi in un corpo sbagliato con la necessità sempre più pressante di diventare donna. A 27 anni Giulio decide finalmente di operarsi in una clinica di Bangkok in Thailandia. Cambia sesso, diventa una donna a tutti gli effetti e comincia una nuova vita…

Valutazione Pastorale

Stefano Calvagna è regista imprevedibile. Dal 2000 ha diretto una dozzina di film che hanno svariato dal pulp al gangster movie al film d'azione con non nascoste ambizioni sull'attualità sociale e la cronaca. Come in questo caso, dove gli evidenti limiti del low budget lo inducono a raccontare una storia dal respiro secco e disordinato eppure sempre alla ricerca del giusto baricentro narrativo. Calvagna infatti sa come proporre gli argomenti, come guardare con occhio critico al tema delicato della crisi di identità, ai risvolti che azioni di questo tipo lasciano nella mente e nel cuore dei protagonisti. Il suo approccio aperto, aggressivo sa tramutarsi in pagine di accorata difficoltà e di richiesta di sostegno. Il copione forse mette a fuoco troppa materia, si capisce che all'autore interessa puntare tutto (se non molto) sulla 'denuncia', peraltro con tono sempre blando e moderato. Ne deriva una galleria di personaggi ora solitari ora indecisi. con scarti di imprevedibile umore. Nella sua leggerezza espositiva, il racconto si pone come una amara riflessione su certo disagio sociale contemporaneo. Il film, dal punto di vista pastorale, è da valutare come complesso, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e successivamente come occasione per riflette su certe situazioni di malumore moderno e irrisolto.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film