WE WANT SEX

Valutazione
Consigliabile, Realistico
Tematica
Famiglia, Lavoro, Politica-Società, Storia
Genere
Commedia
Regia
Nigel Cole
Durata
113'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
Made in Dagenham
Distribuzione
Lucky Red Distribuzione
Musiche
David Arnold
Montaggio
Michael Parker

Orig.: Gran Bretagna (2010) - Sogg. e scenegg.: William Ivory - Fotogr.(Scope/a colori): John de Borman - Mus.: David Arnold - Montagg.: Michael Parker - Dur.: 113' - Produz.: Number 9 Films.

Interpreti e ruoli

Sally Hawkins (Rita O'Grady), Bob Hoskins (Albert Passingham), Miranda Richardson (Barbara Castle), Geraldine James (Connie), Rosamund Pike (Lisa Hopkins), Andrea Riseborough (Brenda), Daniel Mays . (Eddie O'Grady), Jaime Winstone (Sandra), Rupert Graves (Peter Hopkins), John Session (Harold Wilson), Kenneth Cranham (Monty Taylor)

Soggetto

Dagenham, Londra, 1968. Nella fabbrica della Ford, accanto a 55mila operai lavorano anche 187 donne come addette alla cucitura dei sedili. Quando vengono riclassificate professionalmente come 'operaie non qualificate', le donne perdono la pazienza. Rita O'Grady guida le compagne di lavoro ad un confronto prima con i sindacati, poi con la comunità locale. Lo scoglio maggiore é rappresentato naturalmente dai dirigenti della Ford, che temono ripercussioni economiche sull'attività. A questo punto le operaie trovano un'alleata inattesa nel ministro Barbara Castle, che riesce a perorare la loro rivendicazione nei confronti del governo, e a far migliorare la condizione di lavoro e retributiva.

Valutazione Pastorale

Lo spunto é ispirato ad un episodio autentico. Nella conferenza stampa seguita alla proiezione del film al festival di Roma 2010, Nigel Cole ha detto di aver voluto rendere omaggio ad un momento importante (quasi storico) delle relazioni operai/datori di lavoro nelle fabbriche inglesi e però di essersi appositamente tenuto sul versante della commedia più di costume che di denuncia. Insomma non un pamphlet alla Ken Loach ma un recupero sul filo della memoria in un'ottica briosa e scanzonata. Tutto questo risalta bene e con evidenza in una narrazione ben equilibrata che dà spazio ai problemi (la famiglia, i rapporti con i sindacati, l'affermazione della 'diversità' femminile...) senza diventare veramente problematica. Efficace la riscostruzione del '68, spigliate le interpreti, con l'inevitabile 'rallentamento' dinamico, forse dovuto al fatto di sapere già "come va a finire". Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e nell'insieme realistico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito come occasione per ricostruire fatti di un recente passato relativi al mondo del lavoro in Europa.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film