WESTERN… ALLA RICERCA DELLA DONNA IDEALE

Valutazione
Inaccettabile, amorale
Tematica
Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Manuel Poirier
Durata
122'
Anno di uscita
1997
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
WESTERN
Distribuzione
Academy Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Manuel Poirier, Jean Da un'idea di Manuel Poi
Musiche
Bernardo Sandoval
Montaggio
Yanne Dedet,

Sogg.: Da un'idea di Manuel Poi-rier - Scenegg.: Manuel Poirier, Jean-François Goyet - Fotogr.: (Scope/a colori) Nara Keo Kosal - Mus.: Bernardo Sandoval - Montagg.: Yanne Dedet, - Dur.: 122' - Produz.: Maurice Bernart, Michel Saint Jean

Interpreti e ruoli

Sergi Lopez (Paco), Sacha Bourdo (Nino), Elisabeth Vitali (Marinette), Basile Sieouka (Baptiste), Olivier Guemenneux (Antoine), Melanie Leray (Guenaelle), Hélène Foubert, Gerard Privat, Catherine Riaux, Marie Matheron, Vanina Delannoy, Jean-Jacques Vanier, Jean-Louis Dupont, Bernard Mazzinghi, Karine Hascoet.

Soggetto

Sulle strade nell’ovest della Bretagna, Paco, di origine franco-spa-gnola, offre un passaggio a Nino, uno strano tipo che poi gli ruba la macchi-na e gli fa perdere il lavoro. Paco a sua volta sale sulla macchina di una ragazza, con la quale inizia una relazione che però si rivela difficile. I due fanno allora un patto: si rivedranno tra tre settimane per decidere se hanno voglia di stare ancora insieme. Paco ritrova Nino, pieno di rabbia lo manda all’ospedale, poi dispiaciuto lo va a trovare, senza sapere più che cosa fare nei giorni successivi. Nino allora lo convince a seguirlo ma senza una meta precisa. Si mettono in movimento a piedi, si fermano in varie locande. Paco fa conquiste femminili una dopo l’altra. Nino, dopo vari tentativi, finisce con una donna psicologicamente instabile. Vanno ancora avanti e Paco fa cono-scenza con Nathalie, una ragazza madre con numerosissima prole. Paco pre-senta Nathalie a Nino, e a lui la ragazza rivela di aver avuto il primo figlio a 14 anni e poi di aver deciso di fare un figlio all’anno con uomini occasionali ma di essere disposta a convivere a lungo con lui. Intanto sono passate le tre settimane, la ragazza dell’inizio ha un nuovo fidanzato. Paco viene scaricato, si ritrova solo e torna da Nino e Nathalie, che lo accolgono intorno alla numerosa e rumorosa tavola piena di bambini.

Valutazione Pastorale

il film vorrebbe rappresentare la difficoltà odierna di mettere in piedi rapporti interpersonali efficaci o di costruire un sia pur modesto equilibrio esistenziale. Ci sono nel racconto spunti efficaci, ma tutto poi si risolve nella descrizione insistita di sentimenti che deragliano, di incontri occasionali, di assenza di qualche valore più solido. Il vagabondare, la ricerca, la verifica dell’amore sono occasioni suadenti e forti, finché non scadono nella ripetitività e diventano solo copertura della voglia di non impegnarsi, di non fare scelte, di non prendere mai posizione. La conclusio-ne del film sembra essere quella che la vita va vissuta come capita, cogliendo l’occasione, e sottraendosi a qualunque responsabilità anche nei confronti di una maternità vista quasi come ripicca e forma di affermazione sociale. Dal punto di vista pastorale, la storia non riesce quindi a proporsi quasi mai in maniera convincente ed anzi le suggestioni che ne derivano sono sostanzial-mente amorali e inaccettabili. Utilizzazione: il film è da escludere dalla programmazione ordinaria. Un recupero da prevedere in contesti più ristretti deve essere subordinato alla presenza di validi mediatori e strumenti di supporto per capire di quali disva-lori si faccia portatore il regista, che è un quarantenne nato in Perù e arrivato con molte idee confuse in Francia.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film